Cerca nel blog

giovedì 1 marzo 2012

CIAO LUCIO...

6 commenti:

  1. Grazie Costy per queste splendide parole.
    Grazie Lucio per le tue canzoni, ora cantale insieme agli angeli...
    Un abbraccio.
    Ale

    RispondiElimina
  2. Grazie Ale..sono appena stata da te..
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. L'ultimo ricordo che ho di Dalla è quello che lo ha visto direttore d'orchestra al recente festival di San Remo.
    Per l'occasione, indossava un abito ben scelto, ma non proprio elegante e dirigeva il pezzo con impercettibili cenno della mano, mentre lo sguardo - sempre un po' sognante - passava da Carone all'orchestra e poi puntava in alto, come a seguire le note che, una volta uscite dagli strumenti, diventano man mano più leggere, danzano come fiocchi di neve e sfumano lentamente nell'aria.
    A volte però le melodie rimangono, specie quando sono levigate e orecchiabili, come "Nanì", un brano musicale dal sapore leggermente retrò, come stupendamente retrò è "Caruso", un autentico capolavoro che rivela l'ammirazione che l'artista bolognese nutriva non solo per il grande tenore, ma per la musica napoletana.
    Pure "l'Anno che verrà" è un capolavoro, che unisce una soave melodia a un un testo ispirato, profondo, pieno di saggezza.
    Chissà, caro Lucio, se verrà mai un anno in cui il mondo comincerà a girare nel verso giusto!
    Nell'attesa, noi continueremo ad ascoltare la tua musica e tu resterai per sempre fra noi.

    RispondiElimina
  4. benvenuto guardiano..nulla da eccepire su quanto hai scritto.
    Condivido ogni parola...

    RispondiElimina
  5. Un grandissimo ci ha lasciato, ma resterà sempre nel nostro cuore! buona giornata...ciao

    RispondiElimina
  6. si Giancarlo..la musica e l'emozione non muoiono mai.

    RispondiElimina